tavolame-teak-calligaro-legnami

Materia Prima

Il legno è materia viva e in evoluzione.
Se ben trattato restituisce calore e benessere.


TEAK

Legname da filo, ossia per costruzioni. Legname da sega, ma anche...



Categoria Calligaro: Materiale da costruzione
 
ART. TEAK - Foreste tropicali e subtropicali del sud e del sud-est dell'Asia

Richiedi campione originale.

Foto e colori dei campioni sono a titolo indicativo.


FINITURA: OPACA


CARATTERISTICHE:

    Spessore nominale SUPPORTATO

  • 15 mm
  • 20 mm
  • a richiesta
    • Multistrato
    • Betulla
    • Abete
    • controplaccato in essenza

    Spessore nominale MASSELLO

  • 17 mm
  • 22 mm
  • 32 mm
  • 42 mm
  • a richiesta

  • Peso specifico

  • Peso 700 kg/m3

  • Dimensioni

    • Travi massicce
    • 10 x 10
    • 15 x 15
    • 20 x 20
    • Lunghezza massima 13 m
 

Cerchi il Teak per realizzare il bagno?


 

Teak: Caratteristiche e Applicazioni

Il legno di Teak anche per la stanza da bagno

Il teak, inoltre, è caratterizzato da un disegno naturale, variegato con striature irregolari, ondulate. La sua struttura e la sua composizione lo rendono un ottimo legno da impiegare per le costruzioni navali e come alleato dell'edilizia per la realizzazione di pavimenti pregiati e resistenti. Infatti, il Teak è immune agli attacchi degli insetti ed è anche molto resistente all'azione penetrante e corrosiva dell'acqua.

Al tatto si caratterizza di una sensazione di oleosità e questa caratteristica lo rende un legno ampiamente impiegato anche per la pavimentazione per esterni, anche senza l'impiego di trattamenti preservanti. Il Teak, dunque, è un legno pregiato dall'elevato costo e talvolta, esso viene sostituito dell'Iroko, dall'Olmo, dal Rovere o dal Rovere anticato, i quali trattati per mezzo di finiture di grande pregio, possono raggiungere caratteristiche molto simili a quelle del Teak, ma il cui costo complessivo è nettamente inferiore.

 
 

Resistenza

Il Teak risulta, dunque, uno dei legni più impiegati per la realizzazione di parquet molto resistenti, di lunga durata. Nonostante il prezzo notevole, esso è preferito tra le altre tipologie di legno proprio per l'eleganza e la resistenza che al contempo esso riesce a conferire ai locali.

Il Teak è caratterizzato da una durezza elevata, anche se, nonostante le finiture protettive applicate, rimane comunque un legno che può essere soggetto ad ammaccature per urti, o caduta di oggetti, o ancora per l'applicazione di carichi concentrati su piccole superfici o a graffi da tacchi a spillo, chiodi o sassolini presenti sotto le suole delle scarpe.

Il processo di ossidazione, derivante dall'esposizione alla luce del sole è causa del cambiamento di colore del legno, che talvolta, in fase di fornitura, non può riportare le medesime tonalità di quelle scelta nella fase della campionatura.


Teak - Caratteristiche
Categoria / Famiglia / Nome Tectona grandis della famiglia Labiate
Provenienza Birmania, dell'Assam e della penisola di Malacca
Colore Alburno stretto con colore bianco-giallastro.
Tessitura Assomiglia nella tessitura a quello della quercia.
Massa (dopo stagionatura) - Leggero (650 Kg/m2)
Durabilità -- Scarsa
Stabilità ++ Discreta
Lavorabilità ++ Buona
Durezza + Diesceta
Caratteristiche meccaniche - Assiale 51 N/mm2, a flessione 110 N/mm2
Incollaggio +++ Ottimo
Verniciatura ++ Buono
Legenda -- Scarso - Modesto +Discreto ++Buono +++Ottimo

Macchie

Inoltre, l'aspetto del legno varia a seconda della provenienza, dunque per il Teak non si parla di un aspetto unico, ma le caratteristiche climatiche mineralogiche del luogo in cui la pianta è cresciuta, il punto di prelievo e l'orientamento del tronco prescelto, sono sinonimo di originalità e irripetibilità delle varianti in legno facenti parte della stessa essenza legnosa.

Valutando la natura dei manufatti destinati all'esterno, il tipo di legno e l'esposizione totale o continuativa che questi devono subire agli agenti atmosferici, o alle variazioni dimensionali ai quali sono sottoposti, al fine di con consentire che l'efficienza e il funzionamento del Teak siano compromessi è necessario ricorrere a degli espedienti per proteggere il legno, tra i quali i più comuni sono i seguenti:

un trattamento di verniciatura senza spessore, ovvero quello eseguito solamente con un impregnante che penetra a fondo nelle fibre del legno, creando una barriera all'azione degli agenti atmosferici e all'attacco di parassiti;

trattamento di verniciatura con spessore, adatto per quegli elementi che devono sopportare l'azione degli agenti atmosferici a lungo; questo consiste nella creazione di uno strato di appena 80-90 micron.

In qualsiasi caso si proceda, è necessario che il tipo di trattamento non comprometta la naturalezza del legno stesso, proteggendo e migliorando la resa con le vernici ad acqua, maggiormente indicate per l'esterno.

Il prezzo è l'unico aspetto negativo del parquet in Teak. Il costo piuttosto elevato di questo legno, limita fortemente l'impiego su larga scala, infatti, solitamente, il mercato fonda il proprio business sul teak sintetico o finto teak, e non propriamente su quello estratto dagli alberi. Il Teak sintetico, infatti, è caratterizzato da bassi costi di manutenzione.


 

Teak: Caratteristiche e Applicazioni

Il legno di Teak anche per la stanza da bagno

Il teak, inoltre, è caratterizzato da un disegno naturale, variegato con striature irregolari, ondulate. La sua struttura e la sua composizione lo rendono un ottimo legno da impiegare per le costruzioni navali e come alleato dell'edilizia per la realizzazione di pavimenti pregiati e resistenti. Infatti, il Teak è immune agli attacchi degli insetti ed è anche molto resistente all'azione penetrante e corrosiva dell'acqua.

Al tatto si caratterizza di una sensazione di oleosità e questa caratteristica lo rende un legno ampiamente impiegato anche per la pavimentazione per esterni, anche senza l'impiego di trattamenti preservanti. Il Teak, dunque, è un legno pregiato dall'elevato costo e talvolta, esso viene sostituito dell'Iroko, dall'Olmo, dal Rovere o dal Rovere anticato, i quali trattati per mezzo di finiture di grande pregio, possono raggiungere caratteristiche molto simili a quelle del Teak, ma il cui costo complessivo è nettamente inferiore.

 
 

Resistenza

Il Teak risulta, dunque, uno dei legni più impiegati per la realizzazione di parquet molto resistenti, di lunga durata. Nonostante il prezzo notevole, esso è preferito tra le altre tipologie di legno proprio per l'eleganza e la resistenza che al contempo esso riesce a conferire ai locali.

Il Teak è caratterizzato da una durezza elevata, anche se, nonostante le finiture protettive applicate, rimane comunque un legno che può essere soggetto ad ammaccature per urti, o caduta di oggetti, o ancora per l'applicazione di carichi concentrati su piccole superfici o a graffi da tacchi a spillo, chiodi o sassolini presenti sotto le suole delle scarpe.

Il processo di ossidazione, derivante dall'esposizione alla luce del sole è causa del cambiamento di colore del legno, che talvolta, in fase di fornitura, non può riportare le medesime tonalità di quelle scelta nella fase della campionatura.


Teak - Caratteristiche
Categoria / Famiglia / Nome Tectona grandis della famiglia Labiate
Provenienza Birmania, dell'Assam e della penisola di Malacca
Colore Alburno stretto con colore bianco-giallastro.
Tessitura Assomiglia nella tessitura a quello della quercia.
Massa (dopo stagionatura) - Leggero (650 Kg/m2)
Durabilità -- Scarsa
Stabilità ++ Discreta
Lavorabilità ++ Buona
Durezza + Diesceta
Caratteristiche meccaniche - Assiale 51 N/mm2, a flessione 110 N/mm2
Incollaggio +++ Ottimo
Verniciatura ++ Buono
Legenda -- Scarso - Modesto +Discreto ++Buono +++Ottimo

Macchie

Inoltre, l'aspetto del legno varia a seconda della provenienza, dunque per il Teak non si parla di un aspetto unico, ma le caratteristiche climatiche mineralogiche del luogo in cui la pianta è cresciuta, il punto di prelievo e l'orientamento del tronco prescelto, sono sinonimo di originalità e irripetibilità delle varianti in legno facenti parte della stessa essenza legnosa.

Valutando la natura dei manufatti destinati all'esterno, il tipo di legno e l'esposizione totale o continuativa che questi devono subire agli agenti atmosferici, o alle variazioni dimensionali ai quali sono sottoposti, al fine di con consentire che l'efficienza e il funzionamento del Teak siano compromessi è necessario ricorrere a degli espedienti per proteggere il legno, tra i quali i più comuni sono i seguenti:

un trattamento di verniciatura senza spessore, ovvero quello eseguito solamente con un impregnante che penetra a fondo nelle fibre del legno, creando una barriera all'azione degli agenti atmosferici e all'attacco di parassiti;

trattamento di verniciatura con spessore, adatto per quegli elementi che devono sopportare l'azione degli agenti atmosferici a lungo; questo consiste nella creazione di uno strato di appena 80-90 micron.

In qualsiasi caso si proceda, è necessario che il tipo di trattamento non comprometta la naturalezza del legno stesso, proteggendo e migliorando la resa con le vernici ad acqua, maggiormente indicate per l'esterno.

Il prezzo è l'unico aspetto negativo del parquet in Teak. Il costo piuttosto elevato di questo legno, limita fortemente l'impiego su larga scala, infatti, solitamente, il mercato fonda il proprio business sul teak sintetico o finto teak, e non propriamente su quello estratto dagli alberi. Il Teak sintetico, infatti, è caratterizzato da bassi costi di manutenzione.